Renzi e Grillo

Un sondaggio riservato commissionato dal Partito democratico prima delle elezioni europee rivelava un particolare molto interessante: il 60 per cento degli elettori che dichiaravano di votare per il Movimento 5 Stelle il 25 maggio, preferiva però Matteo Renzi a Beppe Grillo come presidente del Consiglio“. (Maria Teresa Meli dal Corriere della Sera del 21 giugno 2014)

Renzi e Grillo si combattono ma sono legati a doppio filo. Non sono ovviamente uguali e sovrapponibili, ma costruiscono gli stessi frame, giocano sullo stesso terreno “né di destra né di sinistra”, sostituiscono la rappresentanza in crisi con la rappresentazione, imbrigliano il dissenso nella lotta alle Caste. Non si capisce Renzi e il suo successo se non si è capito davvero Grillo. Non ci sarebbe stato Renzi se non ci fosse stato prima Grillo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page
Questa voce è stata pubblicata in Post. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

One Response to Renzi e Grillo

  1. Enrico S. dicono:

    Non sono ‘uguali e sovrapponibili’. Ma nel frattale che è la attuale politica combaciano e si completano a vicenda abbastanza bene.
    Da brividi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *